A-Team :: Contributor – Chiara Puddu

Chiara Puddu Illustration
Chiara Puddu
Illustration
Name :: Chiara Puddu
Calling :: Drawing and Dancing

Bio :: My name is Chiara. I had a whack at University but I soon realized that it was not for me. So I decided to have a go with work.

My great passions are drawing and dance. I am a resolute girl and I am not scared by hard work.
After all, you never stop learning!


Mi chiamo Chiara. Dopo un tentato suicidio con l’iscrizione all’Università, ho deciso di voltare pagina e fare un tuffo nel vuoto: affrontare il mondo del lavoro. Indubbiamente le mie grandi passioni sono il disegno e la danza.
Sono una ragazza decisa, anche se qualcuno può non crederlo, e il lavoro e la fatica non mi spaventano. Dopotutto non si finisce mai di imparare!

A-team :: Chi siamo – Paola De Pillo

paola-de-pillo_portrait_bw
Paola De Pillo
Appetibilis Op-Ed

Name: Paola De Pillo, i.e. ME.
Calling: Romantic creative, aspiring writer

Born in Northern Italy, in Turin, later on I have been relocated in Central Italy, in the area of Chieti province.

I did not get a degree at the MIT, I am not a “know-it-all” graduate. I don’t even speak basic English, but I have an excellent command of Abruzzese dialect, both spoken and written. A young life “wasted” to cultivate my passion for drawing – instead of farming the fertile countryside of Abruzzo – directed me toward graphic arts and advertising. The Art School in Lanciano (Chieti), the IED in Rome (European Institute of Design), and several postgraduate courses…

I take notice of the olden and translate it into contemporary style. I absorb life and I narrate it in short, nonsensical thoughts. I let irony permeate my thoughts because irony, together with “Beauty”, shall certainly save us all. A-team :: Chi siamo – Paola De Pillo

A-Team :: Contributor – Giuseppe Marone

Giuseppe Marone Photography
Giuseppe Marone Photography

Name: Giuseppe Marone
Calling: photographer-at-heart

Bio: Born in Termoli (Molise), fifty-some years ago – back when Abruzzo and Molise were a single region – and since early 90s – when I started working as an engineer for a multinational company in Pescara – I have been living in Abruzzo.

Loves of my life: my wife and our cat. And a great passion.
Since I was a teenager I love photography. At the time, photography meant film and I still remember my mom’s scolding when she used to find the shower box full of film pieces clipped on a rope.
I left photography for a while and I recently started shooting again – with digital cameras – mainly landscapes and Nature in all its variants…

A-Team :: Contributor – Sara Scutti

1109_sarascutti_©giuseppemarone
Love, Sara

Name: Sara Scutti
Calling :: Chef-at-heart

Bio: My name is Sara and I come from Atessa, (Chieti), in Abruzzo. I have a Degree in Business Economics, I’m working in the administrative office of a local company. My hobbies are cooking, reading – mostly cooking books and magazines – and volleyball.

My  grandmom and my mom handed down the love for food. My best childhood memories involve food and the long Sundays  that I used to spend in the kitchen with them. I watched my grandmom’s hands busy in kneading dough for gnocchi and pasta (tagliolini, chitarra…) In the afternoon, grandmom asked us girls (I have two sisters) if we could help her making a cake. She made soft pizzelle, or fried pastries filled with custard or chocolate cream. When she cooked, she was happy. And she was even happier when we kids tasted all the delicacies she prepared (she hardly ate it, yet was happy just by watching us eating them).
I always wanted to be as good as she was, and I started reading recipes and trying them. Now grandmom is no longer with us but she left us a cookbook. I try to follow her tips – she did not weigh ingredients, she just knew how much flour or sugar she needed at a glance – but my gnocchi or my pizzelle will never taste as good as hers…

Now I watch my mother busy at the stove and she is as happy as my grandmom used to be. For her, cooking is a way to love people. And for me, too. I love cooking, because it relaxes me, it fills me with joy whenever I look at my guests’ faces tasting my dishes.
My family recipes collection has plenty of traditional Abruzzo cuisine, I tend to use mostly “humble” ingredients – especially the vegetables from my family “orto” (i.e. vegetable garden), with fruits and seasonal produce to be preserved for winter – such as tomato sauce, pickled eggplant, zucchini, artichokes… but also peach, apricot, figs and plums jams.

My twin sister is a good cook too, with an ace upon her sleeve: she’s an excellent artist, she is a cake decorator and she can do almost everything with her hands. Our dream is to start a blog where we can share our passions: wedding cake decoration for her and traditional dishes with a new twist for me…

Cheers,
Sara


Nome: Sara Scutti – Laureata in Economia e Commercio – Impiegata Amministrativa
Hobby: ovviamente la cucina!! Lettura di riviste e libri di cucina; pallavolo, gioco nella squadra del mio paesino da anni.

Bio Devo la mia passione per la cucina a mia nonna materna, e a mia madre. Gran parte dei miei ricordi di bambina sono sul cibo, le domeniche passate in cucina dove guardavo mia nonna con le mani in pasta che ci preparava fin dal mattino presto gli gnocchi di patate, oppure i tagliolini con il brodo di gallina, la chitarra al ragu… Poi, nel pomeriggio chiedeva a noi bambine (ho due sorelle, una gemella Maria, e la più grande Teresa) di fare un dolce insieme, e allora ci preparava delle sofficissime “pizzelle” con la nutella, oppure i coni di pasta fritta ripieni di crema pasticcera o di crema al cioccolato. Nel periodo delle feste natalizie ci preparava le “scrippelle” di patate, i “celli pieni” ripieni di marmellata di uva e poi a carnevale, la cicerchiata e le chiacchiere, e a pasqua i fiadoni dolci di ricotta, e fiadoni salati, i “castelli” e le “pupe”…
Quando mia nonna cucinava era felice e lo era ancora di più quando noi assaggiavamo quello ci aveva preparato, lei quasi non mangiava i suoi manicaretti, era felice che noi li mangiassimo.

Volevo essere brava come lei e così ho cominciato a provare, a leggere ricette. Quando mia nonna è scomparsa, con mia zia abbiamo ritrovato un suo ricettario; come ogni nonna che si rispetti però, non usava la bilancia, ma la sua unità di misura era il “q.b.” ovvero come diceva lei “ad occhio”, quindi per quanto provi a fare le pizzelle come lei, o gli gnocchi come i suoi, non avranno mai lo stesso sapore.
Oggi guardo mia madre, che quando cucina è felice come lo era mia nonna. Un giorno in cui lamentavo il fatto che cucinasse “per un esercito” nonostante fossimo in 5, mi ha risposto: “per me la cucina è amore!”; e per me adesso è questo.
Amo cucinare, per assurdo è una cosa che mi rilassa, e magari alla fine non mangio neanche quello che ho cucinato, perché mi piace cucinare per gli altri, e guardare i loro visi dopo che hanno assaggiato. Allora mi sento soddisfatta e sono felice.

Nella cucina della mia famiglia sono tanti i piatti abruzzesi, e soprattutto quelli con gli ingredienti poveri dell’orto, perché mio padre e mia madre provengono da famiglie contadine, in cui si cucinava con gli ortaggi di stagione del proprio orto, e in cui si preparavano le conserve per le stagioni fredde, come la passata di pomodoro, le melanzane, le zucchine e i carciofi sott’olio e i sottaceti, ma anche marmellate di pesche, di albicocche, di fichi e di susine.

Nella mia famiglia non sono l’unica appassionata di cucina, anche la mia gemella è un’ottima cuoca, solo che lei ha una dote è una bravissima disegnatrice, con l’arte nel sangue, e da poco è diventata cake designer, con le mani riesce a creare cose meravigliose, lei vorrebbe decorare torte nuziali e io vorrei cucinare piatti della tradizione rivisitati. il mio sogno è aprire un blog con lei in cui condividere con gli altri le nostre passioni…

Saluti,
Sara

A-Team :: Contributor – Sonia Marchetti

Foto Sonia Marchetti_ft
Sonia Marchetti

I was born in Abruzzo, an area rich in folklore, wildlife and beautiful places. This is the reason why, although I travel much, every time I have the chance, I go back to my hometown, Atessa (Chieti). Atessa is a stone’s throw away from the Majelletta peak and the ravishing Trabocchi Coast of the Adriatic Sea.

I graduated in Food Science and Technology at Teramo University and I have a PhD in Food Science that I accomplished between Italy and Albany. Now I am a Post Doc Researcher and I am a HACCP consultant. This activity brings me closer to restaurant owners and food companies so we frequently team up in order to meet the issues regarding their jobs. EcoAlimenta, a no-profit organization that I founded in 2012, aims at helping stakeholders solve food safety-related issues. Appetibilis is a good opportunity to promote our food and our culinary traditions, a common ground for all of us who love our region and our Country.
Are you ready to talk about food and chemistry?


Sono nata in Abruzzo, regione ricca di bellezze naturali e di tradizioni antiche, e forse è proprio questo che ancora oggi, malgrado viaggi molto, quando posso torno nel mio paese, Atessa in provincia di Chieti, situata a pochi km sia dalla Majelletta che dagli splendidi Trabocchi della costa adriatica.

Dopo aver conseguito una Laurea specialistica in Scienze e Tecnologie Alimentari all’Università di Teramo ed un Dottorato di Ricerca in Scienze degli Alimenti svolto tra Italia e Albania, ad oggi continuo a lavorare nel modo della ricerca come Post doc Research.

Negli ultimi cinque anni, inoltre, mi occupo anche di consulenza nel campo di igiene e sicurezza alimentare avvicinandomi così sempre di più ai ristoratori e ai titolari di imprese alimentari per far conoscere e cercare di risolvere insieme a loro le problematiche che li legano al campo alimentare.

Ed è proprio questa esigenza da parte loro di confrontarsi e cercare insieme di sopperire alle difficoltà riscontrate in campo legislativo e di sicurezza alimentare che nel 2012 ho fondato, assieme ad altri professionisti, l’associazione no profit denominata EcoAlimenta di cui tutt’oggi sono presidente.

Passioni ed impegni lavorativi che vanno ad intersecarsi con piacevoli momenti riservati alla mia famiglia, ai viaggi, alla lettura, allo sport ed agli amici.

Una vita piuttosto caotica ma sicuramente non priva di soddisfazioni e piacere di vivere la vita così com’è nel pieno delle sue gioie e dei suoi dolori e di condividere con gli altri quando più possibile, così come questa nuova esperienza di dar vita e contribuire a valorizzare e far rinascere quelle tradizioni che in qualche modo ci legano tutti alla nostra terra e al buon cibo locale ed italiano.

Pronti a fare quattro chiacchiere su alimentazione e chimica?

A-Team :: Chi siamo – Lorenza Destro

Lonza65
Lonza65

Lorenza Destro aka Lonza65

Born in the Sixties, I am fond of languages, sports, literature and food. I believe that “to know a second language is to have a second soul”. One of the funniest way to get to know a Country is, besides learning its language, is to taste its food. For the time being, I am still exploring Italy and it’s a quite long way to go…

I was brought up in Veneto and I studied in Trieste. I graduated in 1990 and I am a translator by trade. In 1993 I moved to the Abruzzi and since then I have been living in the Pescara area. I have been working as a free lance translator and as employee in many companies of the area. I have always been interested in food because I strongly believe that it is the most powerful means to understand people and to gather people together. Food is a sort of traditional footprint that we bear with us but can be easily shared with others.

Follow me @
Blog: Verba Volant
Twitter: Lonza65
Instagram: Lonza65