Stories, Legends n Folktales

Natale in Abruzzo (‘s Christmas-Style)


Immagine tratta dal film “Parenti Serpenti” del 1992 diretto da Mario Monicelli

Come glielo spieghi a uno del Nord che da noi il Natale non è il 25 Dicembre ma è quel periodo che va da lu 7 di dicembre a lu 6 di Gennaio?

[Christmas celebration in Abruzzo versus the rest of Italy 😉 Click here!]

Che è di regola che le vigilie sono quintali e quintali di piatti a base di pesce del nostro mare e le feste pranzi che durano dalle 5/6 ore senza contare parrozzi-bocconotti-cagginitt-pandoro-panettone-bigné-frutta secca time per “toglierti il sapore”?

Ecco come è strutturata la giornata festiva della famiglia #fregna abruzzese tipo:

Celli Ripieni | Photo ©MateldaCodagnone

– Sveglia all’alba per “sistemare” la casa e apparecchiare il tavolo… Sì, da noi il tavolo si apparecchia all’alba.
– Mobili spostati, pareti abbattute, divani spariti che “Extreme Makeover home edition” #scanzet, che mia madre in un’ora fa meglio.
– Una volta creato il vuoto cosmico, dal nulla appaiono tavoli, tavolini e sedie

che ci sarà un portale nello sgabuzzino… non c’è altra spiegazione… “ecco dove ha jit a finì le scarpe mie”.

– Si apparecchia per un pranzetto intimo in famiglia: trentasei crischtiani + na decin di bardasch..
– Una volta che il tavolo è “addobbato” si passa alla fase “AMMASSA-IMPANA-CUCINA”.
– Se entri in una casa abruzzese alle 7,00 del mattino di un giorno festivo, puoi sentire già l’addor di sugo e di frittura.

Immagine tratta dal film “Parenti Serpenti” del 1992 diretto da Mario Monicelli

Il menù prevede:
– ANTIPASTI: tartine con tonno e maionese, salmone e maionese, prusutt, sottaceti e sott’olio vari; affettati e formaggi a quantità industriali; funghi trifolati…

– PRIMO: Timballo, ovvero 8 strati di scrippell tenuti insieme da quintali di pallottine, 7kg di mozzarella, piselli ecc… E tua nonna dal lato opposto al tavolo che ti incita dicendo: «magna, ca è fatt in casa, ntì fà mal».

– SECONDO:  Roosbeef con le patate. Variante vegetariana: braciola e costatell (de lu porc fatt 10jurn fà) con i piselli e le carotine. Per i bambini cotolette di manzo e tacchino (che poi mangieranno tutti). Il tutto naturalmente servito in porzioni antiCannavacciolo.

E’ fondamentale e non di meno importanza in Abruzzo che l’ospite deve presenDarsi con: vino, genziana, mezza pasticceria e una stella di Natale.

Il pranzo/merenda/cena si consuma nel casino più totale.
Una volta che ci si è abbottati… e si sentono voci da tutte le parti che esclamano #mòcrep, le donne sbarazzano in 5 minuti e 45 secondi che Mary Poppins annanz a mia madre e alle mie zie si pò solo scanzà.

Quando è tutto bello “sciambato” ci si mette in posizione per la TOMBOLA, terrore per i ragazzi, divertimento psichedelico per bambini e anziani.

Le frasi tipiche che si possono udire durante questo gioco sono:
– AMBO dopo il primo numero estratto.
– MA il 25 56 72 49 36 SONO USCITI? dopo 2 minuti.
– Aspé.. Mà cascat li cocchij de lu mandarin.. Ridic tutt sì nummer.
– DAI ASPETTO IL 40 DA UN’ORA… 41… TOMBOLA!!!!!!!
(ed ecco che parte il classico #ngulamammt)
Intermezzo per dolci, caffè e ammazzacaffè (un’altra ora e mezza).

Verso le 20:30 si mette in scena il «che vulet fà? Magnem la robba ca rimast?» «Noooooooo io non mangio, mi siedo solo per farvi compagnia» e poi si magnan pure li pid de la tavul…

Come glielo spieghi ad uno del Nord che tutto questo fa parte del nostro bagaglio culturale che dobbiamo tutelare perchè nonostante lì “pìnzir pe la coccij”, le disgrazie e le “mancanze” che ci sono in tutte le famiglie, dacci del cibo e lo stare insieme e tutto passa… almeno per un giorno… almeno per un pranzo?!
Come glielo spieghi?! #nataleinabruzzo 🔝❤️

Abruzzo’s Christmas Style (Translation: Lorenza Destro)

This narrative can be found on the net and we don’t know who actually wrote it. Whoever the author – whom we thank – it explains, in a funny way, the main differences between Christmas celebration in Abruzzo versus the rest of Italy.

How you can possibly explain to a Northener that here, in Abruzzo, Christmas is NOT just December 25 but the whole time span from December 7 to January 6?

How you can you possibly explain that the night before Christmas people have huge amounts of fish food and at Christmas luncheons last 5 o 6 hours without taking into consideration parrozzi-bocconotti-cagginitt-pandoro-panettone-bigné-dried fruits just to wash your mouth off?

This is how a typical and “smart” abruzzese family spends a festivity day:

– Wake up at dawn and tidy up the house and set the table … yes, you’re right, we set the table at dawn.
– Furniture is being moved from one place to another, from one room to another, walls are being torn down, sofas vanish in the air as if you were shooting an episode of “Extreme Makeover Home Edition”.
– When a cosmic void has been created, tables, chairs and every piece of furniture you may think of come out of the storage closet. Sometimes people find things they lost years before and they forgot to possess.
– The table is being set for an intimate lunch: no less than thirty people AND a score o f kids.
– After that, next step will be “KNEAD-PREP-COOK” mantra.
– If you enter into an abruzzese home at 7 a.m. on a festivity day, you can smell tomato sauce and fried stuff, because breakfast is important but lunch is far more.

The standard menu of the day includes:
– STARTERS: tuna and mayonnaise canapes, salmon and mayonnaise, ham, pickled vegetables, vegetables in oil; sliced cold cuts galore, minced mushroom with parsley ….

Mini Parrozzi | ©Sara Scutti

– MAIN COURSE: Timballo, i.e. eight layers of crepes that are stuck together by tons of tiny meat balls (pallottine), 7kg of mozzarella cheese, peas, etc… Your grandma, from the far end of the table, says: “Help yourself, please. this is home-made food, it can do you no harm». Needless to say that you DO help yourself at least three times.

– MAIN COURSE 2 – THE REVENGE: Roastbeef with potatoes. “Vegetarian” alternative: pork chops (directly from the zero-mile farmer) with peas and carrots. Kids’ menu includes beef and turkey breasts (that everybody will have, BESIDES their own dishes). All these dishes will come in a non-nouvelle cuisine portions, i.e. humongous.

It is mandatory in Abruzzo that guests must come with wine, genziana liquor, a tray of pastries as big as the whole region of Valle d’Aosta and a poinsettia. Luncheon/tea/dinner is usually had in utter turmoil.
After everybody is stuffed with food … each and every guest howl the same thing #IthinkIwill explode… then women (mom, aunts and grandma) clean the table in 5 minutes and 45 seconds, a world record that Mary Poppins can only dream of.

When the table has been cleared, the TOMBOLA (Bingo) layout will be set up. TOMBOLA means terror for teen-agers, but it is sheer psychedelic pleasure for kids and elders.  Every year, the following statements can be heard:

Happy Holidays! :: Crêpes surprise | Scrippelle ‘mbusse by Sara Scutti

– AMBO (two numbers in a row) after the first number has been called out.
– After two minutes: Have 25 56 72 49 36 been CALLED out?
– Wait! the markers on my cards have been messed up…. please call every single number right from the start.
– I have been waiting for ages for 40 to come out…
– TOMBOLA!!! (after someone yells Tombola, someone else says “f*** **f )

Needless to say that during tombola, sweets, coffee and liquors are served.

Around 8.30 p.m., the standard question will be asked: “Shall we have the leftovers?”» and the standard answer will be «I will not have ANYTHING at all» and then they mop up the plate…

How can you possibly explain to a northener that all this is part of our cultural heritage that must be safeguarded. In spite of hardship, thoughts, misfortune and hard times, when we share each other’s company and some food, everything will pass. At least for one one day…

How can you explain all that?

🔝❤️ #Xmasinabruzzo

Alcune foto e filmati presenti in questo articolo sono stati presi da Internet e quindi valutati di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarcelo via mail a: appetibilis1@gmail.com e provvederemo prontamente alla rimozione delle immagini. In alternativa, restiamo comunque a disposizione per riconoscere la paternità del materiale pubblicato.

Advertisements