A tavola con Appetibilis

Badi come parli :: “Lu vrudett” abruzzese


Ingredients for “Brodetto” from Abruzzo | Photo ©OCKstyle

Datemi “na tijelle de cocce e du pesciarill” della costa abruzzese e vi riverso il Mare Adriatico in un piatto unico nel suo genere: “il Brodetto di pesce”.

Ora, che sia di origine vastese (Vasto, CH) o che venga rivendicato lungo tutta la nostra costa poco importa, perchè infine trovarsi al cospetto di un simile capolavoro, significa lasciarsi trasportare in una dimensione priva di confini geografici quanto di standard gastronomici.

“Lu vrudett” è uno dei piatti più semplici e più gustosi della cucina marinara locale, fatto con ingredienti poveri e genuini, a partire dal pescato locale, scegliendo non più di 5-6 varietà di pesce.

Non è un buon piatto da consumarsi semplicemente, questa è un’esperienza!

Garlic | Photo ©OCKstyle

Sì perché le papillle gustative attivano una iper salivazione già quando si spande il profumo dell’olio extra vergine d’oliva delle nostre colline, quelle tra mare e montagna. È quest’oro giallo, denso e saporito, che va versato lentamente sul fondo della pentola di terracotta preparando un letto accogliente per lo spicchio d’aglio, la cipolla e il prezzemolo.

Gli aromi fatti sfrigolare quel tanto che basta per riempire tutta la casa dei loro profumi, vanno infine gratificati con il peperoncino rosso, passione e fuoco della natura, alla cui caduta nella pentola si assiste a rallentatore; ciò lascia già pregustare quel suo pizzicore che apre ogni più remota resistenza dietetica al piacere del palato.

Sweet red pepper | Photo ©OCKstyle

Ad aggiungersi all’allegra compagnia, ecco poi arrivare sottobraccio e belli panciuti peperone e pomodoro fresco, pronti a rilasciare i loro “buoni umori” a vantaggio del nostro piacere. Una festa, quella sul fondo della fortunata terracotta che la ospita, degna di essere vissuta passo dopo passo.

Sorvolando sulla preparazione (delle salme) dei pesci, religiosamente salutati e ringraziati per il sacrificio all’umanità, và detto che saranno disposti nella pentola uno alla volta, a cominciare da quello che richiede più tempo di cottura fino ad aggiungere l’ultimo che cuocerà in pochi istanti.

Seafood | Photo ©OCKstyle

Depositati con dolcezza, e in rispettosissimo silenzio, non subiranno alcun “vuscicamento”, ovvero non devono essere girati durante la cottura affinché arrivino integri sul piatto. Il sugo li ricopre quasi completamente e, creature meravigliose, ogni tanto fanno capolino in superficie per ricordarti che di lì a poco faranno parte della leggenda culinaria abruzzese.

E ti ritrovi a guardare un recipiente che contiene i frutti della terra e del mare, mentre affetti il pane che andrai a bruschettare per essere usato come crostino da inzuppare in quell’incredibile esplosione di sapori.

Un piatto così è bello da condividere con gli amici, con le persone care per rievocare il vero senso della convivialità, senza troppi fronzoli da master chef.
Detto ciò, il piatto è pronto, il calice di buon vino abruzzese DOC è servito, e a voi, ahimè, non rimane altro che il nostro sorriso… Sporco di sugo.


Badi come parli!
Contenitore di pensieri, elucubrazioni, meditazioni… di Paola De Pillo

“Lu vrudett” :: Brodetto fish soup from Abruzzo | Photo ©OCKstyle

More on “Brodetto” Photo Gallery

Advertisements